Conoscerla per applicarla.

Il nostro corpo, solitamente considerato soltanto un insieme di organi e tessuti, è completamente pervaso di energia; quando il corpo umano è in salute è, infatti, un campo energetico, fluente, elettrodinamico e interattivo.

In effetti, è proprio l’energia, che fa vibrare a un’altissima velocità le particelle subatomiche che compongono gli atomi, tenendole unite, a consentire al corpo fisico, e agli altri oggetti solidi, di avere forma e consistenza specifica, dato che gli atomi di per sé, contrariamente a quanto si pensa, sono degli spazi quasi del tutto vuoti; infatti, la notevole distanza che li separa l’uno dall’altro non potrebbe da sola giustificare la consistenza della materia.

Il corpo umano è un campo energetico che contiene tutte le impressioni e le informazioni di questa energia in azione: alla stregua di certi sofisticati e minuziosi sistemi energetici, noi riceviamo e trasmettiamo, come antenne, segnali e informazioni a una data frequenza vibratoria.

Prendere coscienza di questo aspetto ci aiuterà a connetterci armoniosamente alla vita, come parti di un sistema perfettamente connesso e organizzato, in cui il tutto è molto più della somma delle singole parti. Possiamo dunque riprendere a guadare a noi stessi non più come ad un’accozzaglia di organi e tessuti, bensì come ad un perfetto meccanismo sistemico mosso sapientemente dalla qualità dell’energia individuale e universale.

La nostra evoluzione come esseri umani potrebbe essere valutata e misurata proprio in funzione della qualità dell’energia inglobata nel nostro personale campo vibrazionale, che di fatto si materializza in forma di pensieri, intuizioni, ispirazioni, impressioni, emozioni e comportamenti: il nostro esclusivo modo di essere.

È soprattutto in base all’energia, al suo campo vibrazionale e alla frequenza su cui di conseguenza ci disponiamo, sintonizzandoci di volta in volta, che si gioca in pratica la nostra vita, la quale ci offre il modo di esprimerci come individui unici e irripetibili.

Il grande scrittore Wayne Dyer, recentemente scomparso, scrive: “Tutto nel nostro universo non è altro che energia. Ossia, proprio al centro del proprio essere, tutto vibra secondo una data frequenza. Le frequenze più basse presentano una maggiore solidità, e qui nascono i problemi. Le frequenze più rapide, come la luce e il pensiero, sono meno visibili. Le frequenze più rapide sono quelle che definisco spirito”.

Le pratiche che scegliamo e alle quali ci dedichiamo quotidianamente diventano del tutto efficaci soltanto quando sono rivolte al pieno conseguimento e alla sana espressione di tutto il nostro completo potenziale energetico, oppure al suo recupero.

La nostra forza interiore è espressione di tale completezza, di un’integrazione senza falle né macchia dei propri cinque corpi: il corpo energetico, appunto, ma anche il corpo fisico, emozionale, psichico e spirituale.

Solo in questo modo possiamo guardare all’essere umano come ad un’unità sistemica dinamica, mosso dall’energia che ne è alla base.

10 PRINCIPI DELL’ENERGIA

Entrando ancor più nel particolare, è possibile elencare alcune caratteristiche modalità dell’energia:

  1. Le leggi che riguardano l’energia agiscono come tutte le altre leggi naturali: in modo impersonale e oggettivo. Ciò rende l’energia libera da pre-giudizi: essa semplicemente è.
  2. Tutto è energia più o meno percepibile, che vibra e si muove, e che proviene dalla medesima fonte. Anche noi esseri umani siamo sistemi energetici resi vitali attraverso l’azione incessante del nostro respiro.
  3. L’energia non si crea né si distrugge, solo si trasforma.
  4. L’energia è illimitata e onnipotente.
  5. L’energia è interconnessa a tutti i livelli e mette in relazione ogni aspetto della realtà.
  6. L’energia segue sempre l’attenzione e tende a dirigersi verso l’equilibrio in un movimento continuo e circolare.
  7. L’energia si esprime come un riflesso di ciò che la circonda.
  8. L’energia disegna la forma, la quale è energia condensata: Energia = Materia.
  9. L’energia ha le sue frequenze vibrazionali. Ogni energia ha una propria frequenza in cui si dispongono le diverse forme: l’energia crea il pensiero e questo si proietta nella forma modellandola su di una data frequenza energetica.
  10. L’amore è l’essenza più significativa e pregnante, l’espressione più intensa dell’energia.

PRATICHE ENERGETICHE

Tutto è energia più o meno percepibile, che si muove e vibra a diversi livelli, e che proviene dalla medesima fonte. Anche noi esseri umani siamo sistemi energetici resi vitali attraverso l’azione incessante del nostro respiro e del nutrimento vitale che per suo mezzo inaliamo.

L’ossigeno che riusciamo a introiettare e canalizzare attraverso il processo respiratorio si traduce all’istante nel nostro organismo in termini energetici, un quid che si mette al nostro servizio, a completa nostra disposizione, diventando il carburante necessario a muovere il mezzo fisico, il nostro corpo, che ci consente di operare ogni giorno e raggiungere le destinazioni scelte.

APPORTARE L’ENERGIA NECESSARIA ALLA CONCENTRAZIONE

Diventa il testimone del tuo spontaneo processo respiratorio, senza interferire in alcun modo. Respira naturalmente, senza forzatura né alcuna intenzionalità, se non quella di osservare e ascoltare cosa accade. Se ti rendi conto di qualcosa di anomalo nel tuo respiro non fare nulla di diverso, non ancora; per ora non cambiare alcunché, non è ancora questo il momento.

Prendi l’aria e rilasciala, non devi fare null’altro, se non osservare. E intanto testa quelle che sono le tue normali capacità e considerale senza giudizio.

Osserva dove nasce il tuo respiro e come muore, quali sono le piccole interruzioni, le pause e quanto lunghe. Osservane la scorrevolezza o gli inceppamenti, ascoltane il suono e avvertine le sensazioni interiori; continua senza fretta a verificarne l’efficacia e a tradurre in impressioni ciò che hai colto a proposito del tuo respiro spontaneo.

Infine, gradualmente, apporta dei minimi aggiustamenti, se lo ritieni indispensabile: fai in modo di seguire un ritmo continuo, fluido e spontaneo e non permettere a pensieri, emozioni ed azioni di interferire, divenendo un impedimento.

Mantieni una concentrazione rilassata e consapevole, non ti smarrire e non perdere il ritmo naturale della vita a cui ti sei allineato con il tuo respiro.

INCREMENTARE L’ENERGIA CON IL RESPIRO

Aiutandoti con la bocca puoi trasformare il tuo respiro spontaneo nella respirazione cosiddetta di consapevolezza: respira lievemente attraverso la bocca semichiusa, senza sforzo ma senza neanche interruzioni. Può rivelarsi utile nel momento in cui sentiamo di voler o dover rimanere desti quando invece il nostro organismo desidererebbe abbandonarsi al riposo.

Aumentare il ritmo di questa respirazione, intensificandolo, ci aiuta in breve tempo a fornire più apporto energetico all’organismo.

Tuttavia non è un tipo di respirazione che si consiglia di adottare per lunghe frequenze temporali.

Dopo alcuni minuti, non appena ti senti più attivo, riprendi a respirare normalmente attraverso il naso, allungando i tempi di inspirazione – pausa – espirazione – pausa.

ORIENTARE L’ENERGIA

Respira in modo intenso, continuo e collegato e strofina a lungo le tue mani l’una contro l’altra, sino a che non le senti surriscaldate, quindi appoggiale sul tuo hara, poco sotto l’ombelico, e poi sul tuo cuore. Metabolizzane il calore e l’energia, che continui ad inviare a tutto il corpo attraverso il respiro collegato. Appoggiale poi, di volta in volta, sui tuoi organi vitali, ricaricando nuovamente le tue mani di energia non appena senti l’effetto sfumare.

Prova a coglierne il piacevole effetto rienergizzante.

RISVEGLIARE L’ENERGIA

Picchietta tutto il corpo con le nocche delle tue mani disposte a pugno, oppure a coppa, prima un lato e poi l’altro, davanti e dietro, scendendo e risalendo di continuo lungo tutto il corpo, sino a che non avverti il flusso energetico di questo massaggio che attraversa tutto il tuo corpo, ora completamente desto.

Prova anche a immaginare e a visualizzare cosa sta accadendo di diverso nel tuo corpo in seguito a questo massaggio energizzante.

Questi ed altri esercizi energizzanti puoi trovarli  nel libro IL SENTIERO SCIAMANICO: Il Magico Viaggio per Ritrovarsi

 


I tuoi commenti sono sempre graditi. Anche le condivisioni.

2 commenti. Nuovo commento

Interessante gli esercizi che proponi per risvegliare l’energia.

Gianfranco Santiglia
7 Marzo 2017 7:40

Sono esercizi semplici e accessibili a tutti.
Spero che tu li pratichi e di continuo, poiché solo la pratica ci rende maestri, padroni esclusivi della nostra vita ed esseri liberi nello spirito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *