Il dizionario essenziale per una prestazione vincente.

Dopo l’incontro con le prime lettere del dizionario essenziale, A,B,C,D, il vocabolario necessario per ottenere una prestazione vincente, continuiamo l’esplorazione mettendoci in cerca delle altre chiavi.

In questo secondo post, il dizionario si amplia con le lettere E, F, G: altre chiavi per scardinare la porta che conduce alla prestazione vincente.

Ciò che assolutamente dobbiamo sempre ricordare è che il nostro cervello con il suo computerino di bordo vanno continuamente resettati, in modo particolare nei frangenti più importanti e delicati, per esempio in prossimità di una performance in cui dobbiamo dare il meglio di noi per realizzare una prestazione vincente.

Altrettanto è necessario fare non solo per la mente, ma anche per tutte le altre componenti interiori: energetica, fisica, emozionale, e finanche quella spirituale.

Occorre affidarci all’essenziale togliendo tutto il superfluo, cioè le interferenze e le inutili zavorre che ci impediscono di spiccare il volo.

Azzerare, per poi ripartire da capo.

Ecco da dove, e come.

 

E: ENTUSIASMO

L’entusiasmo è l’accensione della scintilla divina in noi ed è dunque intimamente connesso con l’elemento fuoco e con la forza del nostro corpo energetico.

Essendo in diretta connessione con la nostra divinità interiore, ha anche uno stretto legame con l’aspetto spirituale.

L’entusiasmo che ci sostiene, quindi, proviene e trabocca dalla nostra anima.

Rappresenta senza dubbio uno dei carburanti più preziosi necessari alla nostra performance, di qualunque ordine e tipo essa sia.

L’entusiasmo è una condizione di profonda ispirazione che ci sostiene energeticamente, un’inesauribile fonte di combustibile presente in ciascuno; tuttavia spetta a noi accenderne la fiamma, accudirla, alimentarla, tenendola costantemente accesa, badando a non farla affievolire e spegnere. In questo caso verrebbe a mancare l’energia necessaria a completare l’opera, qualunque essa sia.

L’entusiasmo diventa in moltissimi casi un alleato indispensabile a completare al meglio la nostra impresa: ce ne rendiamo difatti immediatamente conto non appena ci viene a mancare.

Quindi, bada ad alimentare costantemente la fiamma del tuo sacro fuoco interiore, cercando di cogliere proprio in ciò che fai quei fattori che aumentano la tua eccitazione e che consideri particolarmente belli e motivanti.

L’immagine dell’entusiasmo è quella di un animale, uno qualsiasi, che si esprime libero, giocoso e gioioso nel proprio territorio, che non bada ai secondi fini e al risultato: l’azione lo soddisfa e lo completa, realizzandolo.

Dimostrarci entusiasti durante la prestazione significa tradurre in energia immediatamente disponibile tutte le nostre risorse interiori.

F: FLUIRE

La nostra naturale tendenza è soprattutto incline al controllo.

È talmente ben disposta verso il controllo da essere persino sbilanciata in quella direzione, che illusoriamente ci consegna una certa sensazione di potere non corrispondente del tutto a energia raffinata e subito disponibile.

Difficilmente siamo disposti a cedere il potere del controllo e, anche quando, lo facciamo sempre a malincuore.

Certo il controllo assicura una certa dignità e qualità alla prestazione, ma non quando diventa esasperato impedendoci di fluire. In quel caso viene più che altro tradotto in tensione.

Spesso risulta proprio il fluire l’azione chiave di una prestazione vincente: ci aiuta a spiccare del tutto il volo, mettendo le ali ai nostri piedi.

La fluidità, il flusso, il flow, o comunque vogliate chiamarlo, diventa il quid aggiunto ad una buona prestazione, e la aiuta a decollare.

La fluidità alza il tono non solo della performance ma anche dell’esperienza, sino a che non diventa un estatico e terapeutico flusso di coscienza, utile a tutti i livelli dell’essere.

Procedendo per gradi, una volta ottenuto il pieno controllo dell’imbarcazione che conduciamo in mare aperto, per proceder più rapidi e con minor fatica occorre eliminare ogni peso, freno e intralcio che ci rallenta.

Per far sì che la nostra barca scivoli ancor di più e meglio sulle onde occorre cavalcarle, alzando tutte le vele in modo da sfruttare la forza del vento assecondandone la direzione, a patto che non ci porti fuori rotta.

Possiamo scegliere di fluire con la situazione, lasciando che faccia comunque il suo corso e che tutto vada come deve, con la piena fiducia in questa forza superiore che abbiamo il dovere di assecondare, senza opporvi alcuna resistenza né contrasto.

Dopotutto è una forza amica che gioca a nostro favore e sarebbe controproducente resistervi in alcun modo.

Non si tratta soltanto di fluire con la forza degli eventi cavalcandoli con fiducia, ma, ancor meglio, di confluire in essa.

Diventando, infine, quella stessa forza.

G: GENEROSITÀ

Dona te stesso interamente, senza risparmio.

Solo così potrai essere sicuro di avere espresso il meglio di te sotto ogni possibile aspetto.

Per quanto sarà la nostra forza interiore mentale a coordinare l’espressione di questa attitudine, è sicuramente una virtù che nasce a livello spirituale ed è poi allenata continuamente attraverso le nostre emozioni, sino a diventare parte imprescindibile della forza interiore del nostro sistema interiore globale.

Esercitando di continuo la generosità, essa ci spingerà a lavorare senza risparmio e a migliorarci; inoltre ci ritornerà particolarmente utile durante la nostra performance in mille modi diversi.

Sotto l’aspetto energetico avremo la sensazione, corrispondente al vero, che le nostre energie siano inesauribili: con generosità pescheremo di continuo nel nostro barile e con generosità il barile interiore ci restituirà altre energie da disporre al servizio della performance.

A livello fisico ci sentiremo leggeri ma vibratili, mai del tutto esausti o svuotati, sazi o appagati.

Saremo anche in pace con le nostre emozioni, senza conflitti interiori a dilaniarci a causa di rimpianti, rimorsi e sensi di colpa conseguenti a non aver dato il meglio.

La mente sarà pacificata e ben equilibrata perché impegnata a offrire il meglio di sé, senza interferenze negative a inficiare la prestazione.

Infine, la nostra forza spirituale potrà anch’essa esprimersi ottimamente attraverso il servizio che con questa attitudine rendiamo a noi stessi, agli altri e alla vita, onorandola al meglio con la nostra prestazione, dimostrandoci grati, gioiosi e generosi lungo l’intero arco dell’esperienza.

La generosità è quindi una chiave d’accesso fondamentale per scardinare la porta di qualsiasi prestazione vincente.

 


Se hai domande contattami senza esitare scrivendo direttamente nei commenti qui sotto e, se ti va, condividi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *